Stampa

Comunicato del Direttivo di Mirandola del 5/09/2020

Come ANPI di Mirandola esprimiamo totale contrarietà alla decisione appena presa in consiglio comunale (con il voto contrario dei soli consiglieri Magnoni-M5S e Donati-PD) per l'intitolazione di un luogo pubblico a Norma Cossetto.
Questa intitolazione, a seguito di una proposta da parte del consigliere di fratelli d'Italia (proposta fotocopia di altre identiche presentate ultimamente in tutta Italia e con esiti molto diversi e discutibili) è chiaramente un'operazione politica strumentale e propagandistica.
Una finta operazione di riappacificazione che nasconde soltanto una rivalutazione del Fascismo in chiave positiva.
Le destre attuali da anni sono impegnate nella costruzione di una nuova narrazione storica volta ad eliminare l'antifascismo come valore
fondante della nostra Repubblica democratica e della nostra Carta Costituzionale.
Questo passa anche attraverso provvedimenti come quello appena approvato nella nostra città, con l'unico intento di delegittimare
la Resistenza e l'antifascismo.
L'ANPI ha tra i suoi compiti principali quello di "valorizzare [...] il contributo effettivo portato alla causa della libertà dall’azione dei partigiani e degli antifascisti" nonché tutelare la memoria della lotta di Liberazione. Pertanto continueremo a svolgere questo ruolo come
Associazione, in modo indipendente ed apartitico, perché venga sempre affermata la veridicità storica che ha visto nascere la nostra Italia
Democratica, Repubblicana e Antifascista.